venerdì 7 ottobre 2011

Venerdì del libro: Il barone rampante

Per l'appuntamento settimanale di Homemademamma vorrei proporvi un classico della letteratura italiana: "Il barone rampante" di Italo Calvino.


Calvino, nel 1965, come introduzione ad un'edizione scolastica del suo testo scrive:

Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all'altra, decide che non scenderà più. L'autore di questo libro non ha fatto che sviluppare questa immagine e portarla alle estreme conseguenze: il protagonista trascorre l'intera vita sugli alberi, una vita tutt'altro che monotona, anzi: piena d'avventure, e tutt'altro che da eremita, però sempre mantenendo tra sé e i sui simili questa minima ma invalicabile distanza.

Cosimo compie una scelta e la mantiene per tutta la vita: "Vivo da molti anni per gli ideali che non saprei come spiegare neppure a me stesso: mais je fais une chose tout à fait bonne: je vis dans les arbres".

Questo testo ha ispirato, negli anni, moltissimi artistii...




Giuliano Ghelli
"L'amica del barone rampante" di G. Ghelli

4 commenti:

  1. Only one thing: io adoro Calvino!

    RispondiElimina
  2. E' uno dei libri più belli della letteratura di tutti i tempi. Sia da solo, sia letto nell'economia della trilogia (con Visconte e Cavaliere). E si presta a letture multiple, in età diverse (perché il sostrato di significati è amplissimo e sempre più complesso man mano che si scava)!

    RispondiElimina
  3. Ho un bel ricordo, anche se lontano, di questo libro, visti i vostri commenti lo potrò rileggere con la mia bimba prima di quanto pensassi... Grazie dello spunto, ciao!

    RispondiElimina
  4. @Robin: non ho letto moltissimo di suo, ma quel poco che ho letto mi è molto piaciuto.

    @'povna: andrò a cercare gli altri due libri della trilogia perché non li ho ancora letti.

    @Cì: è un libro che stimola molto la fantasia, anche se è un po' difficile come lessico... io ho visto che è stato apprezzato soprattutto dalla terza elementare in poi... prima piace ma bisogna "cambiare" le parole più difficili.

    RispondiElimina